Passare al contenuto principale

La storia del sistema catastale svizzero

Già nel 17. secolo si allestivano piani delle decime per finalità fiscali. Nella fugace Repubblica Elvetica nacque per la prima volta attorno al 1800 a livello politico l’idea di una misurazione catastale a estensione nazionale. Le relative basi giuridiche sono state create nel 1912. Questo segna anche il passaggio da un catasto fiscale a un catasto legale. Da allora, il sistema catastale svizzero è stato caratterizzato da libertà di metodi, digitalizzazione ed estensioni. Oggi non serve solo a garantire la proprietà fondiaria, ma crea anche geodati affidabili che possono essere utilizzati in molteplici modi diversi.

29 aprile 2024

1650–1840: Gli inizi del sistema catastale svizzero

I primi piani catastali sono utilizzati a fini fiscali. Fino alla metà del XIX secolo, i rilevamenti differiscono da Cantone a Cantone.

29 aprile 2024

1841–1923: Dal concordato dei geometri alla misurazione catastale federale

La misurazione ufficiale, organizzata a livello cantonale, diventa un compito comune della Confederazione e dei Cantoni con l'obiettivo di garantire la proprietà fondiaria.

29 aprile 2024

Dal 1920: Con la libertà metodologica verso una misurazione ufficiale che copre tutto il territorio svizzero

Lo sviluppo tecnologico porta alla libertà metodologica e alla digitalizzazione della misurazione ufficiale. La copertura dell'intero territorio sarà raggiunta grazie al programma di misurazione su scala nazionale.

31 marzo 2024

Dal 1993: Nuove basi per il sistema catastale

Con le nuove norme giuridiche per la misurazione ufficiale, i dati di quest’ultima diventano dati di georeferenziazione: per la garanzia della proprietà fondiaria e per molte altre applicazioni.

31 marzo 2024

Dal 2014: Ampliamento del sistema catastale svizzero

Oltre alla misurazione ufficiale, al registro fondiario e al Catasto RDPP, il sistema catastale svizzero sarà ampliato con l’aggiunta di un catasto delle condotte.