Passare al contenuto principale

Catasto delle condotte svizzero

Il sottosuolo svizzero ospita valori per miliardi: infrastrutture per l'acqua, le acque reflue, il gas, l'elettricità, le comunicazioni, il teleriscaldamento e altre condotte. In un Paese così densamente popolato e sfruttato come la Svizzera, è sensato documentare l'utilizzo del sottosuolo. A tal fine è stato creato un catasto delle condotte svizzero.

31 marzo 2024

Il catasto delle condotte offre una panoramica

L'obiettivo del catasto delle condotte svizzero è di documentare in modo standardizzato e affidabile le condotte di approvvigionamento e smaltimento sotterranee e terrestri. I lavori di preparazione per la creazione del catasto delle condotte sono attualmente in corso.

31 marzo 2024

Il catasto delle condotte contiene i dati sulle condotte terrestri e sotterranee

In una prima fase, il catasto delle condotte svizzero include solo i dati già esistenti. Ciò riguarda le condotte di approvvigionamento e di smaltimento sotterranee e terrestri, ossia acqua, acque reflue, elettricità, gas, comunicazioni e teleriscaldamento.

31 marzo 2024

Il catasto delle condotte è la base per prodotti e servizi

Grazie alla panoramica fornita dal nuovo catasto delle condotte svizzero, verranno creati diversi nuovi prodotti e servizi, sia per gli utenti professionali che per i privati interessati.

29 aprile 2024

Insieme al servizio di informazioni chiare sulle condotte

Il catasto delle condotte svizzero deve essere gestito come un compito comune, con conseguenze organizzative e finanziarie per la Confederazione e i Cantoni.

30 aprile 2024

Realizzazione del catasto delle condotte svizzero

Il catasto delle condotte svizzero non parte da zero. Nella tappa di base, ciò che è già disponibile presso gli operatori di rete viene aggregato, standardizzato e mantenuto aggiornato. Il catasto delle condotte può essere ampliato facoltativamente in seguito.